Via Palombarese, Roma, Lazio, Italia   

I nostri vicini:   Sant'Angelo Romano -  Castelchiodato
Cretone - Palombara Sabina - Mentana -  Fonte Nuova
Monterotondo - Pozzo del Merro - Monti Lucretili -  - Bosco di Gattaceca - Monti Cornicolani

Riprese aeree in alta definizione con Drone Multirotore

Elicottero telecomandato, dotato di videocamera HD e sistema di stabilizzazione GPS.
Spot pubblicitari, eventi e manifestazioni, produzione cinema e TV, documentari, riprese sportive. www.drone-experience.it

       Portale di curiosità riguardanti i paesi siti sulla via Palombarese • GRATIS - "La città del futuro"                    
Palombarese.it Sagre e FesteContattaci
 
 
Riserva naturale Macchia di Gattaceca e Macchia del Barco - RM
 
Flora
Il paesaggio della riserva è frammentato in relazione alle condizioni naturali e all’azione dell’uomo, infatti è intenso il pascolo bovino ed ovino e circa la metà del territorio è coltivato prevalentemente a oliveti e foraggiere.
Le aree più vicine alla vegetazione potenziale sono invece coperte da cerrete o da boscaglie termofile localizzate in aree a maggiore drenaggio.
La formazione forestale più estesa nei vari frammenti boschivi (Macchia di Gattaceca, Macchia del Barco, Bosco Nardi) è un querceto caducifoglio, in gran parte governato a ceduo, dominato dal cerro (Quercus cerris), localmente accompagnato dal farnetto ( Quercus frainetto), che in rari siti assume carattere dominante.

Fauna
La fauna, ricchissima fino ad un secolo fa (erano presenti cinghiali e cervi), è oggi alquanto depauperato ma l’area rappresenta ancora l’habitat ideale per molti animali. Tra i mammiferi sono presenti la volpe (Vulpes vulpes) ed il tasso (Meles meles),tra i piccoli carnivori, la faina (Martes foina), la donnola (Mustela nivalis) e la martora (Martes martes). Si ipotizza ancora la presenza del gatto selvatico (Felis silvestris) e dell’istrice(Hystrix cristata). L’avifauna forestale, studiata recentemente grazie a metodi di censimento quali-quantitativo, comprende piciformi (picchio verde Picus virdis, picchio rosso maggiore Picoides mayor, Torcicollo Jynx torquilla), cuculiformi (cuculo Cuculus canorus), la ghiandaia Garrulus glandarius e molte altre piccole specie di uccelli passeriformi (fringuelli Fringilla coelebs, verdoni Cardulis chloris, cardellini Cardulis carduelis, usignoli Luscinia megarhynchos,merli Turdus merula, scriccioli Troglodytes troglodytes). Recenti indagini naturalistiche hanno appurato come alcune specie forestali (ghiandaia e piciformi) siano nell’area cornicolana localizzate solo alle aree forestali frammentate di maggiori dimensioni. La protezione di queste popolazioni isolate è quindi di interesse prioritario.

Attività
Il parco ospita alcune manifestazioni gestite dai comuni di Mentana e Monterotondo, in particolar modo in estate.

Riserva naturale Macchia di Gattaceca e Macchia del Barco

Il bosco di Gattaceca è un bosco sito nel Lazio in provincia di Roma fra i comuni di MentanaMonterotondo e Sant'Angelo Romano.

Un dolce susseguirsi di colline tra la valle del Tevere e i Monti Cornicolani, ricoperti da olivi, boschi e foraggiere. Un territorio calcareo dove i fenomeni carsici hanno dato luogo a caverne, doline e inghiottitoi. La più spettacolare di queste, il "Pozzo del Merro", è una voragine nel terreno con pareti completamente ricoperte di vegetazione e sul fondo un piccolo lago di una profondità vertiginosa.

Il territorio della Riserva ricade all'interno dei confini amministrativi di tre comuni Mentana, Monterotondo, Sant'Angelo Romano che offrono la possibilità di piacevoli passeggiate alla scoperta delle testimonianze del passato.

Mentana conserva diverse testimonianze storiche a cominciare dai resti ancora visibili dell'antica Nomentum, distrutta dai Normanni nel 1059. Nel Medioevo divenne fortezza e dominio di numerose famiglie tra cui i Crescenzi, gli Orsini, i Pereti, i Borghese lasciando memoria della loro presenza con il Palazzo Borghese (XV secolo) e il Palazzo Crescenzio (IX secolo).

E' da visitare anche la Chiesa di S. Nicola (XIII secolo) con il bel campanile romanico che conserva al suo interno un affresco del XVI secolo raffigurante S.Sebastiano. Nel 1867 Mentana fu teatro di una battaglia tra le truppe francesi e pontificie e i Garibaldini che rimasero sconfitti, come ricordato presso il Museo Nazionale della Campagna dell'Agro Romano per la Liberazione di Roma. A Mentana vi sono altri due musei che è interessante visitare: il Museo di Scienze Naturali e Ambientali ed il Museo delle Maschere Teatrali e del Teatro dei Burattini.

Voci correlate:
Castelchiodato
Cretone
Fonte Nuova
Monti Lucretili (in quanto siti nei pressi)
Monterotondo
Mentana
Monti Cornicolani (in quanto siti nei pressi)
Pozzo del Merro (in quanto sito nei pressi)
Bosco di Gattaceca (in quanto sito nei pressi)
Sant'Angelo Romano
Palombara Sabina